Giornate a confronto tra vecchia e nuova generazione

Ma che ne sanno i post millennials di quanto era bello stare all’aria aperta, su scale e muretti, a godersi le giornate piene di sole parlando con i propri amici, ore ed ore, di tutti gli argomenti possibili e immaginabili!

A quelli della passata generazione piaceva parlare guardandosi negli occhi; piaceva abbracciarsi e condividere tempo ed emozioni.

Oggi questi ragazzetti trascorrono la maggior parte del tempo chiusi nelle loro camere e davanti ad una consolle perdono l’occasione di condividere con gli altri coetanei momenti magici. Sul muretto nascevano non solo amicizie e amori, ma, tra una una chiacchiera e l’altra, s’improvvisavamo giochi di strada: non esistevamo quei maledetti social che  tengono inchiodati davanti ad uno smartphone.

Si giocava a nascondino, a guardie e ladri, si andava in bici, si giocava a mosca cieca, ci si divertiva a campana o con l’elastico e si usava la palla non solo per il calcio, ma per sfidarsi a basket a pallavolo o a palla avvelenata.

Purtroppo i vecchi giochi non meravigliano più i ragazzi. É un peccato, perché con quelli si stimolava la fantasia, la creatività e la tolleranza al rispetto delle regole. Certo non possiamo inveire contro questa società digitalizzata e multimediale, ma una cosa è certa: un eccesso di abuso dei mezzi moderni rischia di minare i rapporti umani, sempre più fragili, sopratutto nelle nuove generazioni.

Foto da: https://pixabay.com/it/giocare-strada-bambini-saltare-1678110/

Fabio Marino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...